Che cos’è un tassonomo digitale e come fai a sapere se ne hai bisogno?

Per definire un tassonomo digitale dobbiamo definire la tassonomia .

La tassonomia è la scienza o la tecnica di classificazione. Nel contesto della tua attività, la tassonomia si riferisce all’organizzazione e alla classificazione dei beni aziendali.

A causa dell’esplosione dei contenuti di marketing digitale, è cresciuta la necessità di organizzare risorse di marketing. Una tassonomia digitale è un piano o una struttura per l’organizzazione e la classificazione dei contenuti digitali. Le tassonomie includono qualsiasi cosa, dalla struttura del menu sul tuo sito Web ai tag back-end in un post di blog.

Una tassonomia chiara mantiene i contenuti organizzati e consente al pubblico di trovare facilmente i contenuti attraverso la struttura di navigazione sul sito Web (ad es. Menu e posizionamento dei contenuti all’interno del menu) o tramite la ricerca in loco (ad esempio tag back-end). Senza tassonomia, i tuoi contenuti vengono sprecati perché nessuno può trovarli.

Che cos’è un tassonomista?

Più contenuti hai, più è fondamentale mantenere una tassonomia.

È qui che entrano in gioco i tassonomi digitali. Creano e gestiscono la tassonomia dei tuoi contenuti digitali. Sono responsabili di:

  • Costruire la tassonomia attraverso la ricerca degli utenti e le interviste con le parti interessate
  • Mantenere la tassonomia incluso avere voce in qualsiasi lavoro che influisca sull’organizzazione di contenuti come UX e progettazione dell’interfaccia utente
  • Comunicare la tassonomia ai creatori di contenuti attraverso la formazione e agire come consulente ogni volta che sorgono domande

A causa del crescente utilizzo di contenuti digitali, questa posizione è diventata rapidamente un ruolo fondamentale per un team digitale.

Come fai a sapere se hai bisogno di un tassonomista?

Ci sono alcuni indicatori chiave:

  • Hai bisogno di un tassonomo se hai molti contenuti
  • Hai bisogno di un tassonomo se hai molti creatori di contenuti
  • Hai bisogno di un tassonomo se hai sia un sacco di contenuti che molti creatori
  • Hai bisogno di un tassonomo se è difficile trovare contenuti sul tuo sito

Come si determina se si rientra in una delle categorie sopra? Ecco alcuni passaggi che puoi eseguire per valutare lo stato dei tuoi contenuti:

  1. Valutare il contenuto attraverso un controllo del contenuto.
  • Quanti contenuti esistono sul tuo sito? Sono meno di cento pagine?
  • È organizzato? Esiste una chiara gerarchia nella navigazione del sito? I creatori sanno come selezionare i tag appropriati per il loro contenuto?
  • È facile trovare il contenuto che stai cercando? Qualcuno che non ha familiarità con il sito può trovare rapidamente un contenuto?
  • Ci vogliono solo un paio di clic affinché qualcuno raggiunga il contenuto desiderato?

2. Valutare l’attuale processo di tassonomia.

  • Qual è il processo di tassonomia? È chiaramente documentato? Un processo di tassonomia è un processo attraverso il quale un creatore adatta il proprio contenuto alla tassonomia esistente. Il creatore dovrebbe essere in grado di fare riferimento al processo di tassonomia documentato e sapere esattamente dove si inserisce il loro contenuto all’interno della navigazione del sito e come etichettarlo correttamente.
  • I creatori vi aderiscono?
  • I creatori sono addestrati su di esso?

3. Valutare i creatori di contenuti.

  • Ci sono meno di quattro creatori di contenuti?
  • Sono tutti in una posizione? O facile da comunicare regolarmente?
  • Qualcuno di loro è in grado di svolgere il lavoro di un tassonomista come indicato sopra?

Se hai risposto “No” a una di queste domande, devi aggiungere un tassonomo al tuo team.

Una tassonomia è lì per migliorare l’esperienza dell’utente rendendo i contenuti facili da trovare. Se hai una grande quantità di contenuti o creatori di contenuti, avere una tassonomia chiaramente definita che cresce man mano che i tuoi contenuti crescono è un passaggio fondamentale per assicurarti che i tuoi contenuti siano reperibili.

Domande? Commenti? Aggiungili di seguito o contattami su Twitter all’indirizzo @Cate.